everybody

Dopo un piccolo qui pro quo vi incontro vicino aalla passerella del Parco. Allegri e sorridenti avete una gran sete dopo aver camminato dalla vostra scuola fino al Parco. Ci fermiamo alla fontanella che incontriamo, e poi, attraverso un passaggio segretissimo, attraversiamo boschi, prati, fino ad arrivare al bosco grande.

 Ci presentiamo: ciao a tutti sono Alessandra, e voi? Chi viene al Parco? Chi ci viene in bici? Chi ci gioca? Voi avete 5 o 6 anni, il parco ne ha 43. Sembrano tantissimi! E in effetti... 43 anni non esisteva questo bosco, e quando vennero piantati gli alberi erano alti come voi o poco più! E il bosco che cresceva ha fatto arrivare gli animali, come mai? Perché gli animali hanno bisogno di rifugi, di cibo...di silenzio, e noi proviamo a non urlare. E voi, di cosa avete bisogno? Anche voi di cibo, acqua, ma anche di calma, di scoprire, di giocare.

 

Cominciamo con lo scoprire, proviamo a scoprire e raccogliere tracce del cibo di cui hanno bisogno gli animali. La ricerca inizia e osservate e raccogliete tante tracce.

 

Trovate anche dei bellissimi bruchi pelosi che sembrano gioelli. Si muovono piano.

E poi lombrichi, lumachine, chiocciole. Foglie mangiate, ghiande, fragole matte, noci a metà.

Porterete tutto a scuola per osservarlo bene!

Ci rincamminiamo. Ora avete bisogno di scavare! La maestra ve lo aveva promesso e ora non vedete l'ora. Lo facciamo spostandoci in una radura dove il terreno è più morbido. Per farlo avete bisogno di un bastoncino. Gli animali che troveremo invece hanno bisogno di essere trattati con delicatezza, e poi che le buche vengano ricoperte.

 

Troviamo altri lombrichi, tante chiocciole che salviamo spostandole dove non possono essere schiacciate, ancora bruchi pelosi.. e poi funghi, formiche,piume e penne di un uccello mangiato, foglie che sembrano ricami,

 

e sassi!

Non ne troviamo tanti. Vi racconto una storia sui sassi, di quando Deucalione e Pirra rimasero gli unici Uomo e Donna sulla terra ed a un certo punto si sentirono soli, ed ebbero bisogno di compagnia. Gli venne suggerito di cercare le ossa della madre terra. Quali saranno state? Legni? Sassi! Così, da ogni sasso lanciato alle loro spalle, nacquero uomini, se a lanciarli era Deucalione, donne se a lanciarli era Pirra.

Ora dovete tornare a scuola ma con i sassi raccolti proverete ad inventare un gioco, magari ispirandovi a questa storia!

Prima di andare vi chiedo di regalarci due parole: un bisogno vostro di oggi e uno che secondo voi ha il bosco e la terra che avete scavato. Le scriviamo su un sasso che così rimarrà per tanto tempo!

 

 

 Grazie a tutti! Arrivederci!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

contentmap_plugin