colori

Oggi pomeriggio gli amici della 2°A giungono puntualissimi al punto di ritrovo: il cimitero di Brusuglio! Senza perdere tempo ci incamminiamo e ci addentriamo nel Parco. Rimanete colpiti dai numerosi canali e dalla loro acqua verde ma anche un po' trasparente e dal verde accesso dei prati. Ci avviciniamo ad un piccolo ponte e sotto i rami possenti di un pioppo facciamo un cerchio.

Qui, ci presentiamo e cerchiamo di capire cosa è un Parco. E' un luogo dove ci si può rilassare, osservare la natura e anche correre in bicicletta. Vero, ma dovete sapere che il Parco non è stato fatto per l'uomo. Il Parco è un'area naturale protetta. Un luogo che l'uomo protegge e di cui si prende cura.  E' un luogo naturale dove piante e animali vivono in tranquillità e dove noi siamo i loro custodi.
Tenendo ben presente questo, scopriamo cosa siamo venuti a fare oggi..."La maestra ci ha detto che giocheremo con i colori" Vero! Oggi saremo artisti!
Pronti? Ci spostiamo verso il lago Niguarda e osserviamo...

co xxvaprile2a2

Con gli occhi catturiamo i colori: c'è il verde dell'acqua del lago, il marrone della staccionata, il grigio dei sassi, il verde accesso dell'erba, il giallo del becco dei gabbiani, il bianco delle loro penne e l'azzurro molto chiaro del cielo coperto dalle nuvole.
Bene! Ottimi osservatori! Ora dovrete mettere su dei fogli i colori della Natura del Parco. E come? Osservando, li catturete e farete delle macchie, non dei disegni, delle macchie! Pronti? Spazio alla fantasia e all'estro artistico!
C'è chi è un pittore solitario...

co xxvaprile2a1

...c'è chi ama lavorare in un atelier al femminile...

co xxvaprile2a3

...e chi ama moltissimo il verde!

co xxvaprile2a4

Osservate e catturate! C'è anche il giallo del tarassaco e il marroncino della terra smossa dai lombrichi....

co xxvaprile2a5

...ma anche il rosso delle bacche di rosa canina!

co xxvaprile2a6

Ed ecco finalmente i vostri quadri!

co xxvaprile2a7

"Sembra il centro di un sole super  colorato" dice qualcuno... "Perchè non facciamo i raggi del sole?" propone qualcun altro....Detto fatto!

co xxvaprile2a8

Ma, ora, seduti in cerchio attorno alle vostre opere d'arte, guardiamo: quale è il colore più presente? "Il Blu" "L'azzurro" "il viola-verde" "l'arancione"...No, concentratevi e provate a guardare..."E' il bianco! Il foglio è bianco!"
Vero! Tra le macchie delle forme più diverse (piccole, grandi, lunghe, corte) e disposte in diversi modi (ordinate, in cerchio, casuali), si insinua il bianco. Primo compito per la volta prossima: dovrete ritagliare le macchie raggrupparle per colore creando un nuovo disegno con le vostre macchie!
Ma, ora è giunto il momento di palrare di cose serie. Vi voglio chiedere un aiuto. Non molto tempo fa, un giovane merlo del Parco è venuto in ufficio da Alessandra, Massimo e me e ci ha raccontato che qualcuno aveva rubato i colori del bosco! Gli alberi, le foglie, la terra, le bacche, tutto era diventato bianco. Il merlo, preoccupato, aveva sentito il gufo saggio che, prontamente aveva chiamato dei maghi: Tino il biondo, Scrondo il turchese e Radik il rosso.
Questi tre maghi sono stati un po' pasticcioni perchè al posto di dare il colore giusto a ciascun elemento naturale, hanno tinto quello che era bianco del loro colore preferito: giallo, rosso e blu.
Insomma, ora il bosco era diventato un insieme di questi tre colori! Allora il merlo, disperato, era venuto a chiedere aiuto a noi. Purtroppo noi, però, non conosciamo nessun mago...Voi per caso? Mi date alcuni numeri di telefono di alcuni maghi, ma purtroppo nessuno può venire: chi è malato, chi è impegnato in feste e chi non risponde. Quindi che fare? Non possiamo lasciare tutto così...
Ma ecco, una comunicazione dall'alto: un gabbiano ci dice che potremmo noi provare a fare delle magie andando nel bosco e colorare... "senza pastelli" aggiunge.
Ci spostiamo nel bosco e proviamo a fare quello che il gabbiano ci ha detto, ma non è semplice: cosa possiamo usare per colorare? Pensiamo e pensiamo...ecco l'illuminazione! Se prendiamo della terra e la sfreghiamo su un foglio, il foglio diventa marrone! Se prendiamo delle bacche rosse, colorano di rosso-arancione il foglio!
Proviamo!

co xxvaprile2a9

co xxvaprile2a10

Ecco il risultato!

co xxvaprile2a11

Abbiamo usato terra, bacche, fiori, foglie verdi e anche qualche foglia secca che ha tinto il foglio di un marrone un po' più chiaro. Ma, se provassi a dire al merlo di prendere degli elementi naturali dalla parte di bosco non bianca ed usarli per colorare la zona senza colore? Siete tutti d'accordo. Oggi, appena rientrata in ufficio, glielo riferirò e vediamo se riescono a risolvere il loro problema.
Visto che vi siete sperimentati facendo delle magie con gli elementi naturali, provate in classe a realizzare altri quadri con questa tecnica. Chissà che colore farà la cioccolata, l'insalata e le bucce di mandarino?
E' quasi ora di andare, ma prima, estraggo dallo zaino uno strano contenitore a forma di "pupazzo di neve". E' un seme gigante bianco. A scuola dovrete colorarlo ed ora raccogliamo un po' di semi che potrete utilizzare per il vostro quadro naturale. 
Una volta che l'uovo è colmo di semi, vi lascio l'ultimo compito: come i semi sono importati per il bosco perchè danno vita a nuove piante, per dare vita a nuove cose nel parco, abbiamo bisogno di vostri progetti. Dovrete disegnarmi dei progetti che possano rendere migliore il parco ed inserirli nell'uovo. Chissà se magari alcuni di essi riusciremo a realizzarli...
Purtropop il tempo è finito, augurandovi buon inverno, vi saluto.

contentmap_plugin