Stampa

Dopo giornate grigie e di pioggia finalmente il sole e... il freddo! Sta arrivando l'inverno! Le foglie iniziano a cadere e il parco si è tinto di un sacco di colori: tutte le sfumature di giallo, rosso e marrone!
Gli amici di oggi arrivano da Bresso e super puntuali si fanno trovare all'ingresso del Parco tra Bresso e Cormano in Via Bravi. Qui, in un prato, facciamo un cerchio e ci presentiamo...

 Vediamo di capire in che luogo ci troviamo: siamo nel Parco Nord. Ma cosa è un Parco? Un luogo dove si gioca, ci si diverte, si osserva la Natura e si sta insieme! Vero, ma il Parco non è stato costruito solo per gli uomini: è la casa della Natura! Qui vivono piante e animali! Oggi, noi siamo ospiti del Parco e della Natura e in quanto tali dovremo comportarci in modo educato. MI raccomando....
Prima di spiegarvi cosa faremo oggi, la maestra estrae dalla borsa un decalogo: in classe dovevate pensare a 10 azioni che vorreste fare al Parco...Eccolo!

br romacerbiatti1

Alcune azioni sarà difficile eseguiirle (non abbiamo la bici e nemmeno la palla per giocare a basket e a calcio), ma molte riusciremo a portarle a termine!
Ma perchè? Perchè oggi saremo cacciatori di tesori! E quali tesori? Quelli del Parco! Secondo voi, di cosa abbiamo bisogno per cercarli? "Bhe, di una mappa!" mi dite.
Ed infatti, eccola! Anzi, ne ho 4, che unite ne formano una gigante! Osserviamola da vicino: cosa vi è disegnato?

br romacerbiatti2

Ci sono: ponti, campi di basket, due campi di calcio, le anatre, degli alberi con le foglie e degli alberi senza, delle carote messe vicino ad una griglia e due strade, una bianca e una grigia. Cosa saranno queste strade? Una di sicuro il sentiero, ipotizzate...E l'altra? Fate girare le rotelle e...zac! Ecco l'idea: è il fiume! Qui vicino c'è un fiume! Sì, è il Seveso! Il Seveso è un fiume che nasce lontano da qui, in Svizzera, e percorre moltissima strada fino ad arrivare a Milano dove scompare.... Ma secondo voi, cosa è un fiume? Mi dite che è un posto con dell'acqua che si muove grazie al vento e alla corrente e dove vivono gli animali tipo i pesci. 
Da dove arriva l'acqua del Seveso? Ragionando insieme scopriamo che arriva da un posto lontano da dove esce da sottoterra (la sorgente vicino alla Svizzera), arriva dalla pioggia e anche dai tubi...Eh, sì, purtroppo arriva anche dai tubi. Ci sono ancora case e fabbriche la cui acqua di scarico (quella che scende nel buco del lavandino, della doccia e del water) viene mandata nel Seveso. Questo però è un problema: gli escrementi, il sapone e i colori inquinano l'acqua e fanno del male ai pesci e alle piante! Per fortuna che c'è il Parco che un po' lo protegge....
Quindi, oggi, seguiremo il Seveso e cercheremo i tesori indicati sulla mappa. Il primo tesoro è un ponte....
Eccolo! 

br romacerbiatti3

Vediamo che il bordo del fiume (gli argini) sono fatti di sassi piccoli e sassi grossi messi tutti in fila. L'uomo li ha messi in fila e li ha uniti con il cemento per rendere più forti gli argini, evitando così crolli improvvisi e allagamenti delle case che sorgono vicino ad esso. Vediamo purtroppo anche tanti rifiuti: sono quelli che le persone buttano all'interno del fiume e lui trasporta fino a qui...Povero Seveso! 
Il secondo tesoro da trovare è un albero spoglio vicino ad un ponte....Eccolo!

br romacerbiatti4

E' proprio spezzato! Un forte fulmine si sarà abbattuto su di lui rompendolo. Ora l'albero è morto ma è diventato la casa di molti insetti e i supermercato dei picchi che mangiano gli insetti!
Il terzo tesoro è un albero che cresce vicino al Seveso e la cui chioma finisce sul sentiero e quasi tocca la recinzione del campo di calcio....Eccolo!

br romacerbiatti5

E' il secondo albero che troviamo lungo il nostro cammino. Vediamo se conoscete le parti dell'albero. Partendo dal basso abbiamo le....RADICI! Poi...IL TRONCO! E...I RAMI E LE FOGLIE! Bravi! Ma, attaccati ai rami cosa troviamo a volte? I FRUTTI! Esatto! E dentro di essi cosa c'è? Dopo averci riflettuto un attimo ecco la risposta: i semi! E cosa sono? Scopriamo insieme che sono le future piante e la mamma albero prepara per loro del cibo speciale: la polpa dei frutti! Vediamo se riusciamo a raccoglierne qualcuno....
Troviamo i semi dell'acero, della robinia (che assomigliano a dei pesciolini o a dei piselli) e le bacche di rosa canina! Mettiamo tutto questo bottino in un enorme seme. Questo è un regalo per voi: dovrete decorarlo, osservare i semi e riempirlo con i vostri desideri del Parco. Perchè come la mamma albero desidera che i suoi semi diventino alberi, io desidero che i vostri progetti si realizzino!
Rimettiamoci in marcia ed...ecco cosa era la griglia con le carote! Sono gli orti! E non ce n'è solo uno! Tanti! Incontriamo gli ortisti che ci raccontano cosa si coltiva in inverno: le verze, i finocchi, i porri e l'insalta! Ottimi ingredienti per un minestrone! Li salutiamo e proseguiamo la ricerca...

br romacerbiatti6

Ma ecco due tesori inaspettati! Un bruco peloso che sta attraversando la strada e....

br romacerbiatti7

....una pianta con tantissime bacche rosse!

br romacerbiatti8

Ma aguzziamo la vista e cerchiamo il quinto tesoro: è un ponte! Ecco il Seveso e...non ci sono anatre purtroppo. Ma, vediamo che l'acqua fa un sacco di righe (si vede la corrente!) e vengono a trovarci due cornacchie. All'inizio si posano su una spiaggia del fiume sotto al ponte ma poi una di loro...entra nell'acqua e fa il bagno! Abbiamo scoperto un luogo segretissimo: è la piscina delle cornacchie! 

br romacerbiatti9

E, poco distante, troviamo anche il cerchio! Segnato sempre sulla nostra mappa! 

br romacerbiatti10

Proseguiamo la lettura della mappa e vediamo indicato un muro di sassi vicino al Seveso...chissà cosa sarà. Mentre camminiamo, però, rimaniamo colpiti da una strana struttura. Sembrano dei motori e...qui si sente una forte puzza...bleah! Questa che vedete è una vecchia chiusa. Le chiuse sono le porte che servono per fermare l'acqua e per evitare che, quando ce n'è troppa, finisca per allagare le strade e le case vicine. Scappiamo da questo brutto odore e...ecco il muro di sassi! E' enorme!

br romacerbiatti12

E' un po' come il muro che abbiamo visto all'inizio, ma qui le piante sono cresciute su di esso e in alcuni punti non si vede nemmeno! Il verde ha ricoperto il grigio! Guardate questo albero: le sue radici scorrono sugli enormi massi e si insinuano tra essi, aggrappandosi ad ogni millimetro di terra...

br romacerbiatti11

Poco più avanti vediamo un altro albero morto: questa volta è stato il vento e giace triste nel Seveso...

br romacerbiatti13

Dopo l'albero caduto, vediamo qualcosa di strano: il bordo del fiume non è più fatto di terra e nemmeno di sassi grossi tenuti insieme dal cemento, è fatto solo in cemento. L'uomo ha costruito un passaggio per il fiume per portarlo in un posto molto importante: il depuratore. Qui, gli uomini sono un po' i dottori del fiume: con degli enormi rastrelli e delle enormi griglie puliscono il Seveso di rifiuti che trasporta. I rifiuti vengono poi raccolti in alcuni contenitori e portati in discarica.

br romacerbiatti14

Abbiamo camminato tanto , ma purtroppo è giunto il momento di salutarci, ma prima, vediamo il pezzo della mappa che abbiamo percorso insieme con tutte le osservazioni fatte!

br romacerbiatti15

Per la prossima volta, oltre al compito del seme dovrete:
- disegnare uno dei luoghi che abbiamo visto oggi che vi è piaciuto di più;
- inventare una storia che spieghi come mai ad un certo punto il Seveso arriva a MIlano e sparisce....
Vi accompagno fino al cerchio, ci salutiamo e ci vediamo questa primavera! 

contentmap_plugin

Visite: 361