sensi

I piccoli amici della classe 1°B della scuola Mazzarello di Cinisello Balsamo giungono al Parco Nord alla Casa del Parco e vengono accolti da noi, Massimo, Tania e Andrea.
Nonostante la giornata fredda con qualche raggio di sole i bambini sono molto vivaci e infatti ... subito ci fermiamo per uno spuntino.

Raggiunto l'ingresso del bosco Massimo raduna i bambini in cerchio e, dopo esserci presentati, chiede a loro cosa siano venuti a fare nel parco quest'oggi.
Una bambina risponde che sono venuti per affrontare insieme il percorso sensoriale ... e gli altri compagni in seguito elencano i 5 sensi del corpo umano.

 cb mazzarello1b1

Quindi viene raccomandato ai bambini di provare a stare in silenzio, aprire bene le orecchie e ascoltare i rumori della natura mentre ci si incammina nel bosco.

 cb mazzarello1b2

Dopo qualche minuto ci raduniamo di nuovo in cerchio e Massimo chide ai bambini di provare ad elencare i rumoti sentiti.
Le risposte sono molto varie - e alcune inventate - ma molti hanno notato il cinguettio di vari uccelini e soprattutto quello della cornacchia, oppure il rumore di un aereo o quello di una ruspa oppure ancora quello delle foglie e dei rametti schiacciati dai propri piedi.
Una bambina dice di aver sentito il rumore del vento e allora massimo invita di nuovo i bambini a chiudere gl occhi e ad ascoltare questo rumore. Più che il vento sembra il rumore del mare e infatti è il rumore del mare di macchine che percorre il vicino viale Fulvio Testi.

 cb mazzarello1b3

 Proseguiamo per un pò e ci fermiamo dentro il bosco davanti ad alcuni alberi, Massimo quindi invita i bambini ad osservare bene dietro di lui cercando di vedere il nido di un uccello.

 cb mazzarello1b5

Dopo un pò di tempo una bambina nota due buchi su un ramo, infatti quello è proprio il nido di un picchio scavato grazie al lavoro del suo becco.

 cb mazzarello1b6

Raggiungiamo un altro settore del bosco ...qui scavalchiamo un albero caduto passando in mezzo a due ram ... Ecco! Ora siete tutti quariti! infatti più di cento anni fa i genitori di bambini malati portavano i propri figli nel bosco e li facevano passare nel buco di un grande albero credendo che questo portasse giovamento. Anche oggi le piante aiutano l'uomo a guarire dalle malattie ... come la comune aspirina nella quale è presente l'acido acetilsalicilico, ricavato dalla pianta del salice. La corteccia di questa veniva in tempi antichi succhiata dagli uomini per, ad esempio, far passare il mal di testa o la febbre.

 cb mazzarello1b7

 cb mazzarello1b8

 Camminiamo ancora un po' ... Massimo invita ora i bambini ad abbracciare un albero e ad appoggiarci la guancia chiudendo gli occhi.

 cb mazzarello1b10

 cb mazzarello1b11

Che cosa ha sentito la vostra guancia? Alcuni hanno sentito l'albero liscio o ruvido, freddo o caldo, duro o soffice.

 cb mazzarello1b12

Ed ora i bambini vengono invitati a scavare la terra, alla ricerca dei lombrichi.

 cb mazzarello1b13

 cb mazzarello1b14

 cb mazzarello1b15

Radunati di nuovo con molta difficoltà i bambini, Massimo consegna alla classe due campioni di terra, una di superficie e una di profondità invitando ad osservarli meglio in classe con l'ausilio di una lente di ingrandimento.

Come ultima attività la classe viene divisa in tre gruppetti, uno dovrà raccogliere dei rametti, un altro delle foglie e il terzo dei frutti/semi.

 cb mazzarello1b17

 cb mazzarello1b18

Radunatro il bottino, Massimo fa notare ai bambini le differenze tra gli elementi raccolti (peso,consistenza,...) e invita i bambini stessi ad osservare bene in classe questi elementi e a paragonarli ad eventuali oggetti non naturali.

 cb mazzarello1b19

E per finire prima di lasciarci i bambini ricevono sul palmo della mano Brughillo, che li terrà compagnia fino a quando ... non si laveranno le mani.

 cb mazzarello1b20

 cb mazzarello1b21

Buon rientro a scuola!

contentmap_plugin