Benvenuti amici delle prime medie della scuola Morandi! Ben arrivati al Parco Nord! Siete super carichi all'idea di fare questa esperienza e...tra di voi ci sono anche delle vecchie conoscenze dei campi estivi!
Oggi, andremo alla scoperta del Parco e della sua storia! Ci incamminiamo verso l'Area Didattica Natura, luogo dell'inizio della nostra esplorazione!

Qui, in cerchio, ci presentiamo e capiamo insieme in che luogo ci troviamo: il Parco Nord, area naturale protetta. Capiamo insieme che è una zona speciale dove l'uomo ha scritto specifiche regole da rispettare per permettere alla natura di vivere in serenità.
Dovete sapere, però, che il Parco Nord non è sempre esistito: qui sorgeva una fabbrica fino agli anni '70...Una fabbrica di nome Breda che, durante la Seconda Guerra Mondiale, produceva aerei militari.
Nel parco ci sono molte tracce del passato storico, come vecchie garritte, un carroponte e addirittura la marogna: pietra creata dagli organismi decompositori a partire dagli scarti di metallo della fabbrica.
Ma, sotto ai nostri piedi, c'è un reperto della Breda molto importante: il bunker. Questo rifugio, costruito per gli operai della fabbrica, veniva usato durante i bombardamenti nemici.
Non voglio però dirvi altro...scendiamo alla scoperta di questo mondo sotterraneo!

 cb morandi1f1

Giunti nell'ultimo corridoio, ci sediamo sulle panche e vediamo di scoprire i segreti di questo luogo....
I bunker erano dei rifugi antiaerei e servivano come rifugio agli operai della fabbrica. Qui si nascondevano durante i bombardamenti effettuati prima dagli Alleati e poi dai Tedeschi durante il secondo conflitto mondiale. La struttura è particolare: è costuituita da un intrico di corridoi e stanze. Le stanza venivano usate come luoghi di vettovagliamento (venivano conservati principalmente cibi in scatola altrimenti con questa umidità sarebbe marcito tutto!) e servizi igienici. I corridoi, dotati di panche, come veri luoghi di rifugio. Per evitare che una possibile esplosione si espandesse per tutta la lunghezza dei bunker, ciascun corridoio era ermeticamente chiuso da una porta tagliafuoco e messo a L rispetto al precedente. Questo però, aveva sicuramente una controindicazione: l'ossigeno all'interno dei corridoi scarseggiava ed è per questo che si cercava di stare calmi e le lampade a petrolio usate per l'illuminazione venivano spente.
Ma, secondo voi, che tipo di sensazioni potevano provare le persone rifugiate qui? Mi dite che potevano provare paura, ansia verso la propria vita, preoccupazione per l'incolumità dei propri cari...
Inizia a fare freddo e quindi usciamo nella Natura e vediamo come si è passati dalla fabbrica al Parco.
Finito il conflitto mondiale, non vi era più richiesta di produzione di aerei militari, così la Breda ha provato a costruire vagoni per la metropolitana su ruote, ma con poco successo. Così, i capannoni che qui sorgevano, sono stati abbandonati a loro stessi, fino agli anni '70, quando i comuni dell'attuale Parco hanno deciso di bonificare la zona e di creare un luogo per la natura in mezzo alla fabbrica. Hanno iniziato a piantumare alberi, seminare prati e piano piano sono giunti gli animali: si è creato un piccolo scrigno di biodiversità!
Biodiversità...una parola strana che significa diversità delle forme di vita. Più un ambiente naturale è ricco di biodiversità, più è sano.
Ora, divisi in quattro gruppi, proviamo a stimare il grado di biodiversità di questa piccola area del parco, ricercando il maggior numero di elementi naturali. Inizieremo la nostra ricerca dal bosco..

 cb morandi1f2

 cb morandi1f3

...dove si nascondono strani tesori: funghi marroni...

 cb morandi1f4

...escrementi di volpe...

 cb morandi1f5

...una piccola falena...

 cb morandi1f6

 ...un piccolo fungo bianco e grigio...

 cb morandi1f8

...e ce n'è uno che fa capolino da un tronco!

 cb morandi1f9

Ora passiamo all'area aperta...

 cb morandi1f10

...qui si trovano moltissimi tesori (soprattutto sotto al frutteto) e si nascondono anche "rimasugli di primavera"...

 cb morandi1f11

Ecco il risultato della vostra raccolta!

 cb morandi1f12

Ora, ciascun gruppo sceglierà 10 oggetti di quelli raccolti e li esporrà alla classe: a seconda della rarità del ritrovamento, si assegnerà un punteggio da 1 a 4.
Ma vediamo cosa avete scovato: il tronco cavo di un sambuco, una corteccia mezza decomposta, un germano reale maschio, una falena, un ragno nero e marrone, un cento piedi, il resto di un fiore di rosa canina, gli escrementi di una volpe, dei gerridi, una penna di cornacchia, dei funghi a mensola, la radice contorta di un albero, un melograno, delle nocciole, una noce, un guscio di chiocciola, il riccio di una castagna, il fiore di luppolo, la pigna di ontano, le bacche di biancospino, un fiore di menta, un fiore di selene, gli aghi di un pino, un fiore di tarassaco, le bacche di fitolacca, i semi di tifa, una foglia a cuore, una margherita e una foglia di nespolo. Bravi! Avete totalizzato ben 94 punti! Direi che il grado di biodiversità è buono!
Le pance brontolano e anche voi, quindi ci salutiamo e vi auguro un buon pranzo! Buon inizio medie!

contentmap_plugin