Una tipica giornata autunnale ci accoglie: cielo plumbeo e aria frizzante!
Gli amici di oggi giungono in Cascina Centro Parco, entrando da via Suzzani. Ben arrivati al Parco!
Ci incamminiamo subito verso l'Area Didattica Natura, insieme a Laura, tirocinante del corso di guida ambientale.

Giunti a destinazione e dopo le presentazioni, cerchiamo di capire cosa è un parco: è un'area di svago e relax, ma anche la casa degli animali...un luogo dove si possono riposare anche loro - dice qualcuno. Vero! Il Parco è un'area naturale protetta dove la fauna e la flora possono vivere in tranquillità senza che l'uomo possa intervenire e disturbarle..
Dovete sapere, però, che il Parco Nord non è sempre esistito, anzi è un Parco giovane: ha poco più di 40 anni! Prima, in questa zona sorgevano i capannoni di una fabbrica: la Breda.
Il Parco è cosparso di suoi resti. i binari, la palazzina volo, la montagnetta con la marogna, il teatrino....e i bunker. dei rifugi antiaerei usati dagli operai della Breda.
Ma, non voglio dirvi altro: scendiamo e lasciamoci ispirare da questo luogo!
Rimanete colpiti da alcune foto che immortalano come era la Breda....

mi cairoli1e1

Ma proseguiamo il nostro cammino nei cunicoli del bunker fino ad un corridoio con delle panche  qui ci sediamo e vediamo di capire insieme cosa erano queste strutture...

mi cairoli1e1

Erano dei rifugi antiaerei e servivano come rifugio agli operai della fabbrica. Qui si nascondevano durante i bombardamenti effettuati prima dagli Alleati e poi dai Tedeschi durante il secondo conflitto mondiale. La struttura è particolare: è costuituita da un intrico di corridoi e stanze. Le stanza venivano usate come luoghi di vettovagliamento (venivano conservati principalmente cibi in scatola altrimenti con questa umidità sarebbe marcito tutto!) e servizi igienici. I corridoi, dotati di panche, come veri luoghi di rifugio. Per evitare che una possibile esplosione si espandesse per tutta la lunghezza dei bunker, ciascun corridoio era ermeticamente chiuso da una porta tagliafuoco e messo a L rispetto al precedente. Questo però, aveva sicuramente una controindicazione: l'ossigeno all'interno dei corridoi scarseggiava ed è per questo che si cercava di stare calmi e le lampade a petrolio usate per l'illuminazione venivano spente.
Ma, secondo voi, che tipo di sensazioni potevano provare le persone rifugiate qui? Mi dite che potevano provare paura, ansia verso la propria vita, preoccupazione per l'incolumità dei propri cari...
Inizia a fare freddo e si sente anche brontolare qualche pancia...Quindi usciamo alla luce del sole per fare merenda!

Abbiamo visto che la fabbrica ricopriva buona parte del territorio del Parco, ma come si è giunti a tutto quello che ci circonda? Grazie alla volontà dei comuni di Milano, Sesto, Cinisello, Bresso, Cormano e Cusano. Intorno agli anni '70, dopo il fallimento della fabbrica (a chi potevano interessare degli aerei da guerra in un periodo di pace?), hanno bonificato la zona e iniziato a piantumare, seminare e creare aree umide. Ciò ha favorito l'arrivo della fauna e si è creato un vero e proprio ecosistema!
Dovete sapere, che in un ecosistema è possibile misurare il grado di biodiversità, cioè la quantità di piante e animali qui presenti e la loro diversità. Più questo grado è alto, più un luogo è sano. Siete pronti a scoprire il grado di biodiveristà dell'Area Didattica Natura?
Allora ci divideremo in quattro gruppi e ciascun gruppo dovrà raccogliere il maggior numero di oggetti natuali che trova. Pronti? Inziamo dal bosco...

mi cairoli1e1

...c'è chi si spinge tra i noccioli e tra gli alti rovi fino al vicino canale per sentire le rane...

mi cairoli1e1

...è autunno e il bosco è un tripudio di funghi!

mi cairoli1e1

mi cairoli1e1

...ma qualcuno è nato da poco! Ecco un guscio di germano reale!

mi cairoli1e1

Ora è il momento di spostarci nel prato!
Quante bacche il biancospino!

mi cairoli1e1

...chissà se nel frutteto del parco troverete qualcosa...

mi cairoli1e1

mi cairoli1e1

Ecco il risultato della vostra raccolta!

mi cairoli1e1

mi cairoli1e1

Ora ciascun gruppo dovrà appuntarsi tutti gli oggetti trovati.
Fatto ciò, dovrà mostrarle agli altri compagni. A seconda di quanti gruppi hanno trovato lo stesso oggetto, daremo il seguente punteggio:
- se tutti i gruppi hanno trovato lo stesso elemento, il punteggio sarà 1;
- se solo tre gruppi hanno trovato lo stesso elemento, il punteggio sarà 2;
- se solo due gruppi hanno trovato lo stesso elemento, il punteggio sarà 3;
- se solo un gruppo ha trovato lo stesso elemento, il punteggio sarà 4.
Ma vediamo cosa avete raccolto: un escremento verde, un fungo a mensola,una foglia seghettata rossa, un fiore giallo, i semi della tipha, i semi di acero, del quarzo, delle ghiande di quercia, dei funghi marroni, una lumaca, il fiore e il frutto della fitolacca, la foglia di fico, dei funghi bianchi,delle piume, un guscio di chiocciola, delle nocciole, delle bacche di rosa canina, il fiore del luppolo, la pigna di ontano, una foglia di parietaria, il frutto della berratta da prete, il frutto del biancospino, del muschio, un fungo marrone, un uovo di germano reale, una foglia di castagno, un riccio di castagno, un fiore di nocciolo, un fiore di ontano, dei licheni gialli, degli aghi di pino, delle rane, un melograno, un fiore viola, una foglia di quercia, della menta, il frutto della glediska, dei licheni bianchi, il fiore di tarassaco, una noce, una gallinella d'acqua e le foglie di nespolo.
Bravi! Avete totalizzato ben 152 punti!
E' giunta l'ora di salutarci: alla prossima! Buon appetito!

contentmap_plugin