sensi

E' decisamente arrivata la primavera al Parco Nord: foglie sfrigolanti dei pioppi, marghetine bianche nel prato, qualche tarassaco che macchia di giallo le distese d'erba, gli uccellini che cinguettano fortemente, un tiepido solo che ci scalda il viso...
Gli amici di oggi giungono alle scuole Parco Nord e sono entusiasti di iniziare l'esplorazione di questo mondo verde e fiorito!
In fila, ci spostiamo verso l'Aula Verde, luogo dell'attività di oggi.

Giunti, in cerchio ci presentiamo e cerchiamo di capire insieme cosa è un Parco: è un luogo dove abitano numerosi animali, dove ci sono molti alberi e prati, dove noi possiamo rilassarci, ma rispettando il luogo dove siamo perchè è la casa di qualcun altro...la casa della Natura!

co xxvaprile1a10
Ma, sapete cosa siamo venuti a fare oggi? Oggi, faremo gli esploratori! Ma, non saremo come tutti gli altri, non useremo infatti nè binocoli, nè mappe, nè bussole, ma solo gli strumenti che la Natura ci ha donato: i cinque sensi! Sì, oggi osserveremo, annuseremo, assaggeremo, toccheremo e sentiremo!
Siete pronti?

co xxvaprile1a9
Dallo zaino estraggo delle maschere..."Sono strane...non hanno i buchi per gli occhi" dice uno di voi. Esatto! Sono maschere che non ci permettono di vedere! Infatti, ora dovremo usare le mani e non gli occhi! A tre a tre, ci sposteremo di fianco ad una corda con indosso le maschere. Mettendo le mani sulla corda e facendovi guidare da essa, dovrete percorrere un sentiero...Lungo la corda, appesi ad essa, ogni tanto  troverete dei sacchettini contenenti diversi oggetti...cosa saranno? Sarà vostro compito scoprirlo!

co xxvaprile1a8

Quando tutti hanno terminato il percorso, mi dite cosa pensate di aver toccato: una spugna, un cd, dei pastelli, delle pigne, una collana, delle perline, dei tappi, una cannuccia, dei sassi, delle bottiglie di plastica schiacciate,delle spugne e un gomitolo di lana.
Bravi! Mi dite anche che alcuni oggetti erano difficili da riconoscere! Certo! Perchè anche se una volta che li avete osservati con gli occhi sapete cosa sono e a cosa servono, solo con il tatto è difficile capire di quale oggetto si tratta. Questo perchè noi siam abituati a usare tanto la vista ma poco gli altri sensi.

Non abbiamo però finito di usare le maschere...ci spostiamo davanti ad una ragnatela di corda bianca. Il vostro compito, qui, sarà quello di attraversarla con indosso la maschera. Sarà facile?

 co xxvaprile1a7

Scopriamo insieme che non è affatto facile orientarsi nello spazio senza l'utilizzo degli occhi!

Dopo una breve merenda, è giunto il momento di usare un altro dei nostri sensi: l'udito!

Ognuno nel prato trova il suo angolino, si siede nell'erba, chiude gli occhi e tende le orecchie.

 co xxvaprile1a4

MI dite che sentite: il gracchiare di una cornacchia, il cinguettio di un uccellino, il vociare di qualcuno nel Parco, il rombo di un aereo, il brusio del traffico in lontananza, la maestra che parla al telefono.
Ma, cambierebbe qualcosa se provassimo a fare lo stesso esercizio correndo?

co xxvaprile1a5
Scopriamo che quando si corre tutti i rumori sono coperti dal rumore dei nostri piedi, dal fruscio dell'erba che sfrega sulle nostre gambe, dal rumore dei nostri zaini e delle nostre giacche!

Bene, cari esploratori, è giunto il momento di usare di nuovo il tatto, ma non quello delle mani, bensì quello dei piedi!
Ci spostiamo vicino ad un percorso strano fatto di vario materiale naturale: sassi grossi, sassi piccoli, legni sminuzzati, mattoni, cortecce, tronchi....
Dovrete provare a percorrerlo senza calze e senza scarpe! Volete provare?
Senza pensarci su due volte siete pronti per l'avventura!

 co xxvaprile1a2

Ora provate a camminare a quattro zampe...

 co xxvaprile1a1

Dopo che tutti hanno completato il percorso, vediamo quali sensazioni avete provato:
- i sassi grossi erano lisci e freddi;
- i sassi piccoli pungevano;
- i mattoni erano lisci e tiepidi;
- l'erba era fredda e faceva solletico ai piedi;
- i pezzetti piccoli di corteccia pungevano;
- i tronchi erano ruvidi e umidi.

Purtoppo è giunto il momento di salutarci! Rimettiamo calze e scarpe e zaini sulle spalle!
Ma, prima di andare, viste tutte le esplorazioni che avete fatto, vi meritate il distintivo dell'esploratore del Parco Nord...

Alla prossima e buon rientro!

 

contentmap_plugin