Stampa

sensi

Dopo giorni di incessanti piogge torna il sereno sul Parco Nord. Ci dirigiamo verso la fermata dell'autobus per incontrare i nostri piccoli amici....arriviamo giusto in tempo per vederli scendere dall'autobus e ordinarsi in fila per due...

Buongiorno e benvenuti al Parco Nord!

Subito ci incamminiamo verso una zona più tranquilla del Parco e, dal momento che siete molto affamati, ci concediamo una bella pausa merenda seduti sulle panchine, mentre i raggi del sole scaldano i nostri visi!

Nel frattempo notiamo i prati ricchi di rugiada, la quale con il calore del Sole evapora creando una lieve nebbiolina che avvolge i verdi prati...

Nascosti tra i fili d'erba troviamo i primi tesori della Natura...

...sono dei funghi spontanei, non commestibili, che abbondano in questo periodo a causa delle abbondanti piogge. L'acqua e l'umidità di questi giorni li fa crescere grandi e forti, sarebbe un peccato calpestarli, quindi facciamo attenzione a dove mettiamo i nostri piedi!

Terminata la pausa, facciamo un grande cerchio e ci presentiamo...noi siamo Alessandra e Irene, voi?

Dopo un giro di presentazioni proviamo a capire insieme perchè siete venuti qui oggi...cosa faremo? Oggi proveremo ad essere dei perfetti esploratori! Ma...cosa fa di preciso un esploratore? " Osserva la Natura, impara, conosce, raccoglie..", ci rispondete...esatto bambini! E come facciamo ad esplorare la Natura attorno a noi? Cosa usiamo? Dopo qualche piccolo ragionamento e facendo girare gli ingranaggi arriviamo alla conclusione: useremo i nostri cinque sensi! Per esempio come facciamo a capire se l'erba è bagnata? Usiamo la vista e il tatto! Per sentire se un elemento profuma o puzza? Usiamo il nostro naso! Ed infine per sentire i rumori della Natura useremo il senso dell'udito!

E, a proposito di udito...proviamo a chiudere gli occhi e ad aprire bene le orecchie...cosa sentiamo? " Gli operai al lavoro, le voci dei bambini della 1C, una cornacchia e il cinguettio di tanti uccellini!", ci rispondete.

Ora ci mettiamo in fila indiana ed entriamo in un luogo molto speciale...il bosco! Il bosco è un luogo tranquillo dove la Natura può crescere indisturbata, per questo motivo entreremo in silenzio, limitando al minimo i rumori così da non disturbare i numerosi abitanti del bosco.

Durante il percorso ogni bambino dovrà fare molta attenzione all'ambiente attorno a sè e dovrà scattare delle fotografie mentali di tutto ciò che vede...

Giunti ad una specie di radura, ci mettiamo in cerchio e ad ogni bambino viene chiesto di dire l'elemento che più lo ha colpito durante il sentiero, insomma ci deve dire la fotografia più bella! 

Ci raccontate di aver visto tanti alberi, alcuni spogli, altri con ancora le foglie e altri ancora, ricoperti di edera. Avete visto tante foglie, rami, muschio e perfino un cane che passeggiava con il suo padrone.

La Natura, dando sfoggio dei caldi colori autunnali, ci trasmette un messaggio forte e chiaro: salutiamo l'estate e diamo il benvenuto al freddo inverno. Prima di spogliarsi completamente gli alberi si colorano di giallo, rosso e arancione, creando delle sfumature affascinanti. A questo punto, vista la ricchezza dei colori autunnali, vi chiediamo di raccogliere tre foglie, che abbiano però colori diversi.

Tutti pronti? Comincia la ricerca!

Trovate foglie di colore giallo...

...di colore marrone...

...e anche di colore verde...

Infine, con tutte le foglie raccolte creiamo una bellissima tavolozza dei colori del bosco e notiamo come ogni foglia sia unica, particolare e quindi speciale!

Qualcuno di voi ci chiede come mai in autunno le foglie cambino colore...

Dovete sapere che in estate, quando il sole è molto intenso, la pianta produce una sostanza, un pigmento, chiamato CLOROFILLA, che conferisce il colore verde alle foglie. Con l'arrivo dell'autunno la pianta entra in una sorta di letargo, si addormenta, e non produce più questa particolare sostanza. A questo punto, gli altri pigmenti, di colore rosso o giallo, non sono più nascosti dalla clorofilla e le foglie assumono la loro colorazione fino a seccare e diventare, quindi, marroni.

Durante la ricerca nel bosco, Alessandra ha trovato un altro tesoro...

...è una ramo morto, sopra il quale stanno crescendo tantissimi funghi di colore rossastro. Il loro compito è quello di nutrirsi di sostanze non più vive, che quindi vengono decomposte. Grazie al loro lavoro, i funghi creano del nutrimento fondamentale per il suolo. 

I migliori tesori sono sempre quelli nascosti e tanti di questi si trovano sotto terra! Il suolo è un ambiente importantissimo dove vivono tanti animali e dove crescono le radici degli alberi. Ora andrete anche voi alla ricerca di qualche tesoro nascosto e per farlo dovrete utilizzare dei piccoli bastoncini in modo da poter scavare il terreno che si trova sotto il grande tappeto di foglie.

Tutti pronti a disotterrare tanti tesori? Via!

Siete stati molto attenti e avete trovato tantissimi tesori, tra cui: gusci di chiocciole...

...lumache, che sono altamente mimetizzate nel loro ambiente...

...del morbidissimo muschio...

...pigne giganti...

...tantisime uova, che con cura ricopriamo per non farle schiudere troppo presto...

...false fragole (chiamate così perchè assomigliano alle fragole di bosco, ma in realtà non lo sono)...

...e tantissimi lombrichi, i protagonisti del suolo, perchè, come ben sapete, magiano e digeriscono la terra rendendola morbida e nutriente...per questo sono così importanti! 

Siete stati bravissimi!!

A questo punto ci dividiamo in tre gruppi: il primo gruppo raccoglierà le foglie con forme e colori diversi; il secondo gruppo raccoglierà tanti rametti di forme e lunghezze diverse; il terzo gruppo si dedicherà alla raccolta di semi, frutti e bacche.

Ecco qui il vostro raccolto:

Ottimo lavoro bambini!

Tutti questi materiali li porterete con voi a scuola, dove li osserverete a analizzerete come degli ottimi scienziati! E poi: provate a costruire qualcosa con i rametti, ciò che più vi ispira! E che cosa vi ricordano le forme delle foglie? Ed i semi, che alberi mai potrebbero diventare?

Prima di concludere l'attività ed uscire dal bosco è buona pratica salutarlo e per farlo lo facciamo in un modo speciale e del tutto personale...

Ogni bambino, per salutare il bosco e ringraziarlo, dovrà abbracciarlo come se fosse un caro amico...

C'è qualcuno tra voi che ne vuole salutare anche più di uno...

Ma...com'erano questi alberi? Lisci, ruvidi, morbidi per la presenza del muschio, freddi, bagnati e persino colorati!

Dal momento che siete stati degli ottimi esploratori vi meritate tutti un timbro di riconoscimento per questa fantastica esperienza!

Ed eccolo qui, il timbro di brughillo:

Bravi bambini!

L'attività di oggi si conclude qui. 

Come ci ricordate anche voi, intonando per noi la bellissima canzone dell'"Arrivederci", questo è solo un arrivederci. Alessandra vi aspetterà in primavera pronta e contenta di iniziare una nuova, fantastica attività da esploratori!

Felici di avervi conosciuti, ci salutiamo. Grazie di essere stati con noi e grazie di questa bella mattinata passata in vostra compagnia!

Buon inverno a tutti e un grande saluto dal Parco Nord!

Visite: 158