Una giornata invernale, un po' grigia e fredda accoglie gli amici di oggi: la 1°B di Via Bussero!
Arrivate all'ingresso di Viale Suzzani insieme alla 1°C.
Ci dividiamo subito in 2 gruppi: uno andrà con Massimo, l'altro con me.
1°B, seguitemi! Andiamo alla volta del Parco!

 

 Ci inerpichiamo sulla collinetta del teatrino e, con una veloce corsa scendiamo nella radura dall'altra parte.
In cerchio ci presentiamo e vi chiedo di dirmi se siete felici di esser qui e perchè. Alcuni di voi sono contenti perchè si trovano all'aria aperta, altri perchè sono insieme ai propri amici, altri perchè ci sono gli alberi, altri perchè sperano di incontrare degli animali, altri perchè amano il freddo!
Ma, chi di voi sa cosa è un Parco? "E' la casa degli alberi e degli animali!" esclama uno di voi. Esatto! Il Parco è la casa della Natura, dove essa viene protetta e rispettata. Per far questo, però, sono state messe delle regole ben precise che noi dovremo rispettare per poter infastidire il meno possibile i suoi abitanti. Chi me ne dice qualcuna? "Le carte della merenda vanno messe nel cestino o nello zaino" "Non bisogna urlare sennò si spaventano gli animali" "Bisogna fare attenzione a rami, foglie e radici: sono capelli, braccia e gambe degli alberi!"
Bravissimi!
Chi sa cosa faremo oggi? Avvicinatevi tutti....oggi, faremo gli esploratori! Con un grido di gioia accogliete la notizia!
Già, oggi esploreremo il Parco! Ma utilizzando cosa? Degli strumenti che abbiamo sempre con noi...pensate un po', sono cose che abbiamo anche quando dormiamo, quando mangiamo, quando siamo a scuola...."Ma sì, usiamo gli occhi!" Solo quelli? "Noooo, anche le orecchie..." "Magari le mani..." "Ah! Useremo i 5 sensi!" Esatto! Esploreremo usando i 5 sensi: vista, udito, tatto, olfatto e gusto! Oggi, ci concentreremo sui primi 3!
Iniziamo quindi! Con le mani messe come un binocolo attorno agli occhi, ci muoviamo nel prato...chissà cosa riusciremo a scovare...

mi bussero1b1

Dopo dieci minuti di esplorazione, riuscite a scovare: un soffione, una foglia a forma di triangolo, un sassolino giallo, un ramo storto, una corteccia rossastra, una piuma, un batuffolo di pelo, un fungo bianco, un quadrifoglio, una foglia che assomiglia ad un fiore, ma anche la brina...

mi bussero1b2

...e una strana foglia che sembra uno scheletro e che risalta nel prato perchè è rossa!

mi bussero1b3

Visto che siamo un po' infreddoliti, ci spostiamo in cima alla collinetta, ma per farlo, visto che siamo degli esploratori ma anche un po' avventurieri, ci arrampicheremo lungo un sentiero in salita...mooolto in salita!
Per prima sale la maestra che, senza non poche difficoltà arriva in cima! Ora tocca ad ognuno di voi! Forza!
L'ultimo tratto è veramente ripido: nessun problema! Provate a usare anche la mani! Sembrate tante volpi!
Quando anche l'ultimo di voi raggiunge il sentiero, ci mettiamo in marcia e proviamo ad ascoltare i rumori del Parco.
Riuscite ad udire: il cinguettio di un uccellino, il gracchiare di una cornacchia, il fruscio delle foglie sotto ai nostri piedi, le chiacchiere di alcuni compagni, i rami che si spezzano al nostro passaggio, le auto in lontananza e anche l'affanno di un signore che corre!
Secondo voi, cambia qualcosa se proviamo ad ascoltare mentre corriamo?

mi bussero1b4

Notate subito che gli unici suoni che si sentono sono il rumore dei piedi sul terreno, il fruscio delle giacche e il tonfo di qualcuno che cade!!
"si sentono meglio i suoni stando fermi o camminando in silenzio.." dice uno di voi. Esatto! Per ascoltare meglio, ci vuole il silenzio!
Ora è giunto il momento di usare il tatto! Ma non il tatto delle mani, bensì quello delle guance!
Ci spostiamo in un boschetto poco lontano: qui, a due a due, scegliamo un albero e, abbracciandolo, appoggiamo la guancia sulla corteccia. Che sensazione abbiamo?

Mi dite che alcuni alberi erano lisci, altri ruvidi, altri duri,. uno pizzicava, uno pungeva (c'erano delle formiche!!!), uno era morbido e umido (c'era il muschio!)...."Il mio albero era contento che lo stavo abbracciando!" esclama uno di voi!

Bravi, ora. visto che abbiamo esplorato quello che sta sopra...cercheremo quello che sta sotto! E come? Naturalmente scavando!

Durante la vostra ricerca scovate un sacco di cose strane: radici, sassi arancioni, sassi gialli, foglie trasparenti, foglie mangiate dai bruchi, foglie marce, lombrichi, ma anche una vespa morta causa freddo...

...dei piccoli funghi appena nati...

...un semino di ciliegia...

...uno strano pallino giallo (forse è il pallino di qualche pistola o fucile...)

...tantissimi centopiedi di terra che, appena trovati stanno acciambellati su loro stessi, ma quando sentono il calore della nostra mano, si risvegliano e iniziano a correre! Anche dentro le nostre maniche!

Benissimo! Ora, ci divideremo in 3 gruppi: uno raccoglierà i legnetti, uno le foglie e uno i semi e i sassolini!
Ecco il vostro bottino!

"Ma cosa dobbiamo fare con queste cose?" chiede uno di voi.
Con questi oggetti dovrete fare 2 lavori:
- osservarli, toccarli, annusarli...esplorarli con i 5 sensi! Chi è più duro? Chi più morbido? Chi puzza di più?
- pensare a cosa possono assomigliare: il legnetto cosa vi ricorda? Un coccodrillo? Una I? Un paio di forbici? Un laccio di una scarpa? Largo alla fantasia!
Tutte le vostre osservazioni me le porterete in primavera scritte o disegnate, insieme ad oggetti che non utilizzate più, che potete regalarmi e che assomigliano o alle foglie, o ai sassolini o ai legnetti!
Il tempo è quasi finito,. ma prima, vista la vostra bravura come esploratori, vi meritate il distintivo di esploratori del Parco Nord!

 Usciamo dal bosco e, riscendendo la collina, vi accompagno all'entrata di Viale Suzzani! A presto!

contentmap_plugin