È giunto il momento del nostro quinto incontro con la 1D della scuola Manzoni.
Ci incontriamo ai piedi della passerella di via Ornato e subito iniziamo con l'attività di oggi!

Le volte scorse abbiamo percorso le vie d'acqua artificiali, oggi invece seguiremo l'unica via d'acqua naturale ... il fiume Seveso!

Per seguire al meglio il percorso del fiume, vi forniamo una mappa divisa in quattro fogli.

br Manzoni4aprile1d2

Lungo il tragitto dovrete appuntare sulla mappa tutto ciò che osservate di particolare.

Il Seveso nasce a Cavallasca, in provincia di Como, vicino ai confini con la Svizzera. Il primo tratto del fiume, nelle prealpi comasche, scorre in un ambiente naturale, ben conservato, ma progressivamente i numerosi scarichi di depuratori civili ed industriali hanno peggiorato, e peggiorano tutt'ora, la qualità delle sue acque. Il Seveso non si può definire un fiume pulito, infatti nelle sue acque non c'è vita!

Subito giungiamo nel punto in cui il Seveso "sparisce"...ma in che senso sparisce? Significa che inizia un percorso sotterraneo nei quartieri di Bresso e Milano fino a confluire nella Martesana.

 br Manzoni4aprile1d3

L'urbanizzazione e la cementificazione comportano una riduzione della permeabilità del terreno. Di conseguenza, nei periodi di grandi piogge, l'acqua, che non viene assorbita dal terreno, confluisce nel Seveso, facendolo esondare. 

Il colore dell'acqua è rossastro/marroncino, ed è il colore del sedimento intriso di tutti i coloranti scaricati negli anni dalle industrie tintorie. 

Nel fiume notate anche la presenza di schiuma, la cui presenza potrebbe essere dovuta sia all'inquinamento, sia al moto dell'acqua, quindi alla corrente.

Lungo il tragitto vediamo volare dei simpatici pappagalli verdi, i quali, liberati dall'uomo, sono riusciti a sopravvivere all'inverno a causa delle alte temperature. 

br Manzoni4aprile1d4

Lungo il corso del seveso notiamo delle modifiche artificiali realizzate lungo gli argini...

br Manzoni4aprile1d5

...e diversi alberi che crescono lungo le sponde...

br Manzoni4aprile1d10

Queste piante sono però destinate a cadere a causa della pendenza accentuata degli argini. Inoltre quando il livello del fiume cresce, l'acqua porta via la terra da sotto gli alberi e quindi destabilizza ancora di più l'intera struttura arborea. 

Gli unici animali che riusciamo ad osservare lungo il Seveso, sono i germani reali...alcuni, con un po' di anticipo, li troviamo in compagnia di tanti piccolini!

br Manzoni4aprile1d9

Seguendo il percorso pedonale troviamo anche la presenza di sabbia...ma come mai c'è della sabbia? 4 anni fa il Seveso esondò e portò con sè la sabbia, depositandola lungo il sentiero. 

br Manzoni4aprile1d11

Arriviamo, poi, in un punto in cui il fiume si sdoppia ed "entra" in un luogo artificiale, chiamato depuratore. 

br Manzoni4aprile1d12

In realtà non è un vero depuratore, perchè non depura l'acqua, ma ferma tutto ciò che di voluminoso scorre nel fiume, come ad esempio una tanica di plastica...

br Manzoni4aprile1d16

Tutti i rifiuti che vengono raccolti vengono collocati in grossi cassoni, destinati poi alla discarica.

Giungiamo, poi, nell'unico punto in cui il cattivo odore c'è sempre...

br Manzoni4aprile1d17

br Manzoni4aprile1d18

...e perchè c'è sempre questa puzza? Qui troviamo 4 motori (non più funzionanti) che aprivano e chiudevano paratie collocate nella rete fognaria. Quello che noi sentiamo è l'odore dei residui fognari di circa 10/15 anni fa!

Lungo il nostro tragitto troviamo anche una bellissima ed importantissima casetta per gli insetti impollinatori!

br Manzoni4aprile1d19

Alla fine del nostro tragitto ci fermiamo a prelevare un campione d'acqua...

br Manzoni4aprile1d20

...misurare la temperatura ed il pH...

br Manzoni4aprile1d21

La temperatura dell'acqua è risultata di circa 13°C, mentre il pH è di circa 6.

Dal momento che in questa giornata si è parlato molto di inquinamento, vogliamo lasciarvi con qualche riflessione sul futuro...per il prossimo anno ci farebbe piacere sapere quali secondo voi potrebbero essere delle azioni concrete per migliorare l'ambiente in cui viviamo...

È arrivato il momento di salutarci! Ciao a tutti! Alla prossima!

contentmap_plugin