Oggi incontriamo gli amici della prima b vicino al lago nord, per continuare insieme il nostro percorso alla scoperta del sistema delle acque del parco.
La volta scorsa ci siamo soffermati sui canali più antichi del Parco, oggi passeggeremo in un’area dall’origine più recente.
Avete portato le mappe, il termometro e il kit per misurare il pH? Allora partiamo per questa piccola spedizione scientifica!

Cominciamo le nostre osservazioni presso il lago nord, il bacino più esteso fra quelli che vedremo oggi. Avvistiamo subito molti pesci sott’acqua, delle gallinelle d’acqua e dei germani reali, sia maschi che femmine, una tartaruga e un piccolo anfibio, una rana o un rospo, nascosti fra le canne. La temperatura dell’acqua è di 18 °C e il pH neutro, circa 6 o 7.

br Manzoni25Marzo1b1

br Manzoni25Marzo1b2

br Manzoni25Marzo1b4

br Manzoni25Marzo1b3

br Manzoni25Marzo1b7

Quando è in eccesso, l’acqua del lago può defluire nella piccola pozza retrostante attraverso un tubo sotterraneo, e poi, sempre grazie a un sistema di tubature, può essere indirizzata al canale dietro la collina. Una piccola chiusa regola la quantità d’acqua che si muove da un lato all’altro di questo complesso.
La temperatura di questa pozza si aggira intorno ai 14 °C, mentre il pH rimane, fortunatamente, neutro. 

br Manzoni25Marzo1b8b

Dopo aver scollinato raggiungiamo l'inizio del canale che si dirige a sud. Questo é un corso d'acqua artificiale non solo nell'origine ma anche nell'aspetto: infatti gli argini di cemento non consentono alla vegetazione di crescere troppo in prossimità dell'acqua, come avviene in altre parti del Parco, e garantiscono che l'acqua scorra liberamente e rimanga limpida per quel tratto. Si intorbisce solo dove alcuni rami frenano la corrente, ma si tratta di semplice polvere o frammenti vegetali che galleggiano in superficie.

 br Manzoni25Marzo1b10

br Manzoni25Marzo1b11b

Osservando attentamente il fondale notate, però, che non è pulito: un ricco substrato di alghe e millefoglio d'acqua ospita un ricco ecosistema acquatico, che può essere molto interessante da esplorare. Cercando con dei bastoni raccogliete dei campioni da conservare, in attesa che qualche timida forma di vita si mostri, e studiare in classe, anche con l'aiuto del microscopio. Proseguendo l'indagine troviamo anche un accumulo di uova di chiocciola d'acqua protette dalla loro gelatina, una larva di libellula e un altro acquatico che non riusciamo a identificare.

br Manzoni25Marzo1b13

Nei punti dove il canale si interra si possone notare delle ampie grate, che servono a impedire ai rami e a altri grossi detriti di intasare la tubatura.

br Manzoni25Marzo1b12b

Ci dirigiamo all'area didattica passando vicino alla fontana circolare, che non è stata ripulita per permettere la riproduzione degli anfibi, in particolare quella del prezioso rospo smeraldino.

br Manzoni25Marzo1b14

Questo tratto dei canali è stato lasciato al naturale, senza cementificare gli argini e permettendo alle canne di crescere liberamente nel suo corso. Tuttavia è sempre necessario operare una pulizia periodica perchè non venga riempito e soffocato della vegetazione morta.

br Manzoni25Marzo1b17

L'ultima tappa del nostro percorso è il laghetto dell'area didattica, dove prendete le ultime misurazioni: il pH è sempre neutro, ma la temperatura è un po' più alta rispetto all'ultima pozza, risultando di 16 °C. Quest'acqua bassa e calda è l'habitat preferito da rane e rospi. 

A proposito: sapete qual è la differenza fra una rana e un rospo? Anche se sembrano simili, sono due animali completamente diversi, più di quanto siano diversi fra loro un gatto e un leone. La rana ha abitudini prevalentemente acquatiche, il rospo terrestri; il rospo preferisce deporre in pozze molto basse, fino a favorire le pozanghere temporanee che si formano dopo i temporali, mentre la rana sceglie l'acqua più alta dei laghetti; il rospo procede a saltelli e non a grandi balzi come la rana. Anche il canto è diversissimo: provate a cercarli in internet e a confrontarli a scuola!

br Manzoni25Marzo1b19

br Manzoni25Marzo1b20

br Manzoni25Marzo1b21b

È stata una bella esperienza, ma è arrivato il momento di salutarci. Ciao a tutti, buon rientro!

contentmap_plugin