Cielo terso oggi sul Parco Nord ed aria frizzantina che proviene dalle montagne: tempo ottimale per fare una bella passeggiata! Con Alessandra ed Irene ci incamminiamo dalla Cascina Centro Parco verso il Lago Nord. Qui, troviamo i nostri amici seduti a bordo del lago ad attenderci.
Ci dividiamo subito nelle due classi e... 

...scopriamo innanzittutto cosa è un Parco: un luogo naturale con piante, erba e animali che vivono in libertà. E' un luogo che l'uomo crea apposta con delle regole speciali affinchè possa proteggere la flora e la fauna. Il Parco Nord è stato creato negli anni '70 per evitare che la città si espandesse troppo e per dare nuova vita ad una zona industriale abbandonata.
Quando è nato il Parco c'era molto da fare: seminare l'erba, piantare alberi, creare sentieri, mettere panchine, costruire laghi...Già, ma come si costruiscono i laghi?
"Si scava un buco e si mette l'acqua con un tubo" dice qualcuno.  Vero, ma in parte. Se voi scavate un buco in spiaggia e ci mettete l'acqua, dove va a finire quest'ultima? "Scompare...viene assorbita dal terreno.." Esatto! Quindi, chi ha costruito i laghi al Parco Nord, ha dovuto mettere un fondo impermeabile. Cosa avrà usato? Ci avviciniamo al Lago Nord e...

br romani3a1

..notiamo che il fondo è di cemento, ricoperto di un sottile strato di terra. "Per forza hanno messo la terra" dice uno di voi "altrimenti le alghe non avrebbero dove mettere le loro radici...e se non ci fossero le alghe non ci sarebbe cibo per gli animali". Eh, già, le piante sono molto importanti anche nel mondo acquatico: sono fonte di cibo e producono ossigeno per i pesci e gli anfibi che in essi vivono. Ma non solo! Le piante che formano il canneto sono una perfetta zona di rifugio per le anatre e per le rane. Osserviamo e vediamo che il lago pullula di vita: ci sono pesci, tartarughe, germani reali (sia maschi che femmine), gallinelle d'acque e in lontananza anche una cornacchia che si fa' un bel bagnetto!
Ma, l'acqua che riempie i laghetti del Parco da dove arriva? "Dalle piogge? Dalla sorgente?" Dalle piogge certamente. Purtroppo non c'è una sorgente o dei fiumi che possono portare l'acqua ai laghi come avviene in natura, ma ci deve pensare l'uomo! L'acqua che riempie i laghi proviene dal Canale Villoresi, canale a Nord di Milano che un tempo veniva usato per irrigare i cambi. Non sempre, però , c'è acqua nel canale. Allora che fare? Si usa quella della falda acquifera! 
Bene, è giunto il momento di partire e metterci in marcia...eh, sì, perchè oggi seguiremo il viaggio dell'acqua del Parco: dal Lago Nord fino a...  Scopriamolo insieme!!
Ci incamminiamo seguendo una mappa del Parco dove sono indicati i luoghi con acqua e, nella collina a ridosso del lago, rimaniamo stupiti da una strana struttura...

br romani3a2

E' una chiusa. E' una sorta di diga e serve a regolare l'accesso dell'acqua al lago...Il parco ne è pieno!
Scendiamo a perdifiato la collina e seguiamo un lungo canale con il fondo di cemento che, passando attraverso un bosco, sotto ai sentieri, ospita un sacco di alghe e di insetti che camminano sull'acqua. Anzi, che pattinano! I gerridi!

br romani3a4

Seguiamo il canale e...arriviamo ad una fontana rotonda. Qui osserviamo che l'acqua è calma e piena di alghe galleggianti. "Ma due settimana fa l'acqua non era così verde" dice uno di voi. Certo! Dovete sapere che in inverno le alghe vanno in letargo, dormono, ma appena arriva il sole e il caldo...crescono, crescono, crescono! Fino a riempire la fontana! Poi, gli operai del Parco, prima di metterla in funzione, la puliranno un pochino dalle alghe. Non le toglieranno tutte però! Le alghe sono importanti per gli anfibi! Ad esse attaccano le loro uova e, se passate a maggio, la fontana è piena di rane e rospi!

br romani3a5

Continuiamo a camminare e giungiamo ad un  altro canale: meno artificiale e più naturale. Le sponde sono fatte di terra e al suo interno crescono alghe diverse da quelle della fontana tonda, sono lunghe...anzi, sembrano delle piante subacque! E poi ci sono delle canne verdi che stanno crescendo e delle canne secche simili a quelle del Lago Nord.

br romani3a6

Il canale ci porta alla fontana Triangolare. Qui, l'acqua, passando sotto la pista ciclabile, prosegue parallela alla cascina fino ad arrivare alla strada dove passano le auto. Qui, scompare...Ma, ricompare dall'altra parte! Per vedere dove, faremo il monte che porta a Viale Suzzani.
Fatto il ponte, sulla destra vediamo il canale che avevamo lasciato che si butta in un piccolo laghetto: il più vecchio del Parco.
Ma, dovete sapere che l'acqua non si ferma: prosegue il suo viaggio! Dopo aver superato la collina del teatrino, corriamo verso il Velodromo. Prima di tale struttura vediamo un canale e l'acqua arriva qui grazie a un tubo! E il tubo si vede proprio! Vediamo qualche gallinella che si nasconde al nostro passaggio...
Proseguiamo e, superato il Velodromo, vediamo che il canale diventa più naturale...

br romani3a8

..ci crescono dei veri e propri alberi dentro!  E come sono verdi!
Ma ecco la sorpresa! Il canale, finisce in un altro lago! 

br romani3a9

Questo lago, a differenza del primo che abbiamo visto, non ha sponde in cemento, ma per fermare l'acqua è stata messa l'argilla! La terra impermeabile! Se si guarda bene la si vede! Le sponde sono rosse!
Purtroppo il tempo è quasi finito e voi dovrete tornare a scuola. Prima di salutarvi, però, vi lascio un compito. Durante la passeggiata ho raccolto e messo in un contenitore diversi semi. Dovrete osservarli e scoprire quali di questi galleggia e riempire il contenitore con i vostri progetti-desideri per il Parco. Come possiamo renderlo migliore? Aspetto le vostre idee!
Alla prossima e buon rientro! 

contentmap_plugin