Stampa

L'appuntamento con gli amici di oggi è all'ingresso al Parco vicino al Centro Civico di Bresso. Mi sto allacciando ancora gli scarponi che, puntualissimi si sente il vostro vociare in lontananza...
Ed eccovi che spuntate da dietro l'angolo del Centro Civico! Ma...ma...noi ci conosciamo! Ci siamo visti anche l'anno scorso! Siete pronti per una nuova avventura?

Ci inoltriamo nel Parco e giunti vicino al lago di Bruzzano, sotto ad una quercia, facciamo un cerchio e ripassiamo i nomi: non solo io non mi ricordo i vostri nomi, anche voi non vi ricordate il mio! 
Ma vediamo se vi ricordate cosa è un Parco...." E' un luogo dove si osserva la Natura e la si protegge..." mi dice uno di voi. Bravissimi! Il Parco è un'area naturale protetta: qui la Natura può vivere libera ed indisturbata!
Ma, la Natura è formata da diversi elementi: ci sono sia gli animali (la fauna) che le piante (la flora). Oggi noi ci concetreremo su uno di questi elementi. Quale? Mi chiedete. Per scoprirlo dovremo ossservare uno strano oggetto...

br giovanniXXII2b1

Questo strano oggetto è fatto di legno, è duro, è pungente, ha un piccolo buchino e...cosa sarà? Ipotizzate: un frutto, una bacca secca, una casa, un pezzo di corteccia strana, un animale morto.
Bhe, questo strano oggetto è una speciale barriera che la pianta costruisce. E' fatto di legno. Quindi possiamo dire che è di origine vegetale. E' una GALLA. Dovete sapere che ci sono degli insetti che depongono le uova vicino ai fiori o alle foglie tenere delle piante. Una volta schiuse, da queste uova escono dei bruchi super voraci che mangerebbero tutta la chioma dell'albero.L'unico modo che ha per proteggersi è quello di costruire una barriera di legno attorno alle uova e ai bruchi: questi ultimi passano il loro tempo a mangiare l'involucro della loro casetta e l'albero salva le sue foglie!
Pensate che a seconda del tipo di pianta si hanno delle galle diverse! La rosa canina, per esempio, produce delle galle che sembrano delle palline di fili di corteccia!
Quindi, lo avrete capito: oggi parleremo di piante. Proveremo a scoprire quali sono alcune delle piante del Parco e impareremo a riconoscerle. 
Ma cosa possiamo osservare di una pianta per riconoscerla? Mi dite: il colore della corteccia, la forma delle foglie, il loro bordo, il colore dei suoi fiori e la forma dei suoi frutti. Benissimo!
Pronti a diventare degli scienziati di alberi?
Iniziamo con il primo: è alto, ha la corteccia bianca, i rami sono rivolti verso l'alto e ...

br giovanniXXII2b2

...le sue foglie hanno la forma di un cuore o del simbolo delle picche...

br giovanniXXII2b3

Questo è il PIOPPO. Il maestro vi ricorda che è un albero che avete già sentito nominare in un racconto visto a scuola. Nel racconto era descritto come alto e ossuto: bhe, senza foglie sembra proprio uno scheletro! Ma, per fortuna, non incute paura! 
Intorno ad esso ascoltiamo una storia che lo vede protagonista...Il pioppo è un albero assai PAZIENTE: riesce ad aspettare il vento che, girando per il mondo, gli sussurra canzoni sempre nuove che lui impara ed imita scuotendo le sue foglie!
Ora è il momento di un altro amico verde... Ha foglie tonde, il bordo o margine è a linea spezzata...

br giovanniXXII2b5

...le foglie sono ruvide se le tocchiamo e se le guardiamo da vicino vediamo che da una parte sono bianche e dall'altra sono verdi...Perchè?

br giovanniXXII2b6

Dovete sapere che il lato bianco è così perchè ci sono tantissimi peli messi uno accanto all'altro! Insomma, è una foglia pelosa! Ma, questa pianta ha anche delle altre caratteristiche: ha tanti rami che partono da terra e non un unico tronco. Certo! Questa è la caratteristica di tutti gli arbusti. "Ma appesi ci sono dei bruchi verdi!" mi dite. Pensate che questi bruchi verdi sono i fiori del....NOCCIOLO!
Ma vediamo cosa ci rivela la storia sul nocciolo...Il racconto che lo vede protagonista narra le vicende di un vecchio saggio che piantò 9 noccioli che crebbero e diedero vita ad un luogo magico : il cerchio dei noccioli. Chiunque lo trovi, acquista subito la SAGGEZZA, ma per mantenerla la deve CONDIVIDERE e DONARE ad altri. Insomma il nocciolo è una pianta GENEROSA!
Ma, secondo voi, che frutto fa il nocciolo? "Le nocciole!" mi rispondete in coro. Benissimo, proviamo a cercarne qualcuna...
Secondo voi i frutti sono importanti? "Si, sono il cibo nostro e degli animali" mi dite. Vero, ma dentro ai frutti cosa possiamo trovare?  I semi! Esatto! Il frutto non è altro che la casa dei semi. La polpa del frutto serve a far crescere il seme. Perchè il seme racchiude un'enorme segreto: un futuro albero! 
Prima di spostarci per conoscere il terzo albero notiamo che su alcuni tronchi morti di pioppo sono cresciuti dei funghi...

br giovanniXXII2b7

...alcuni sono messi a mensola!

br giovanniXXII2b8

Dovete sapere che i funghi, insieme a molti insetti e ai lombrichi, sono organismi molto importanti per un bosco: sono decompositori. Ciò significa che mangiano gli esseri viventi morti, tenendo così pulito il bosco!
Ma vediamo chi è il prossimo amico: eccolo, piccolo, contorto e spinoso con bacche rosse! Ha delle piccole foglioline che sembrano tante mani...ecco il BIANCOSPINO!La storia del biancospino narra di un villaggio attaccato da cattivissime streghe che volevano rapire tutti i bambini. Gli abitanti del villaggio decisero di fare una barricata usando i rami del biancospino. Le sue spine, pungendo le streghe, le trasformarono in fate buone. Il biancospino che fino ad allora si era sentito solo e senza amici, trovò la sua utilità e trovò nuovi amici.

br giovanniXXII2b9

Accanto al biancospino raccogliamo alcune sue bacche e qualche bacca di rosa canina....
Ma corriamo vicino al grande albero di cui abbiamo raccolto la galla: la QUERCIA. Ha la corteccia marrone scuro piena di rughe e ha foglie che assomigliano a delle nuvole e il cui bordo sembra la panna montata!

br giovanniXXII2b10

Il frutto della quercia sono le ghiande..vediamo se ne troviamo qualcuna a terra...e ascoltiamo la sua storia!La quercia è un albero FORTE e CORAGGIOSO. Grazie ai suoi forti rami è riuscita a proteggere un'intera foresta dai fulmini! Non è facile sopravvivere ai fulmini, ma lei è resistente!
Benissimo! Ora tocca a voi! Sarete in grado di trovare una quercia, un nocciolo e un biancospino? Ci dividiamo in gruppi e partiamo alla ricerca!
Ecco il nocciolo Nocciolino di Ilaria, Ginevra, Bea, Maria, Matilde, Martina, Andrea L., Giada e Retal.

br giovanniXXII2b11

Ecco la quercia Gina Arancionina di Allegra, Camilla, Tommaso, Roberto, Daniele, Gabriele, Jacopo, Andrea C. e Pietro

br giovanniXXII2b12

Ed ecco il biancospino Spino di Marco, Giacomo, Emanuele e Carlotta.

br giovanniXXII2b13

Bravi ricercatori di alberi!
Purtropo il tempo a nostra disposizione è finito, ma prima voglio lasciarvi alcuni compiti per questa primavera:
- ciascun gruppo dovrà fare una scheda della sua pianta (corteccia, foglia, fiore, frutto) e inventare una storia che la vede protagonista;
- tutta la classe dovrà inventare una storia sul pioppo;
- tutta la classe dovrà osservare i semi raccolti e descriverli;
- tutta la classe dovra decorare il seme bianco che vi ho consegnato ed inserire in esso i vostri progetti per il Parco...ed infine inventare un albero di fantasia disegnando e ritagliando le sue foglie!
Gli stomaci brontolano! Alla prossima!

contentmap_plugin
made with love from Appartamenti vacanza a Corralejo - Fuerteventura
Visite: 202